A voce alta: sonetto di Cecco Angiolieri

Terra di grandi poeti, la mia amata Toscana dette i natali, nel 1260 circa a Cecco Angiolieri, poeta graffiante e volutamente dissacrante, famoso per alcuni suoi sonetti trasformati in canzoni, molti secoli dopo. Particolarmente interessanti sono le tenzoni poetiche con altri scrittori suoi contemporanei, come Dante Alighieri; Cecco Angiolieri, infatti, si distinse per non aderire ai nuovi canoni del Dolce stil novo ma, anzi, presentandone una caricaturale rifrazione, scegliendo di poetare della nuova dimensione borghese attraverso rappresentazioni realistiche e schiette. Oggi, #avocealta, un sonetto che fa parte proprio della tenzone poetica con l’Alighieri.

A voce alta: una poesia di Elizabeth Barrett Browning

Le splendide parole di amore e di rivoluzione di Elizabeth Barrett Browning, profonda amante dell’Italia, dai suoi Sonetti dal portoghese, pubblicati nel 1850, oggi, #avocealta.

A voce alta: il sonetto LXXIV di William Shakespeare

Il Tempo passa e devasta, il corpo la memoria la bellezza. Gli si può sopravvivere, però… come? Ce lo dice William Shakespeare, in uno dei suoi magnifici sonetti, il LXXIV, che oggi leggo #avocealta.