A voce alta: il sonetto LXXIV di William Shakespeare

Il Tempo passa e devasta, il corpo la memoria la bellezza. Gli si può sopravvivere, però… come? Ce lo dice William Shakespeare, in uno dei suoi magnifici sonetti, il LXXIV, che oggi leggo #avocealta.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...