A voce alta: “Confidare” di Antonia Pozzi

Il padre censurò la sua produzione poetica pubblicata in seguito al suo suicidio, nel 1938, a 26 anni, per la “sconvenienza” dei temi trattati e dello sguardo poetico. Oggi #avocealta riscopriamo la chiara meraviglia dei versi di Antonia Pozzi, con la sua Confidare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...